Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
31 dicembre 2002 2 31 /12 /dicembre /2002 20:03

CICLI & INCONTRI


Intorno a Utopia

Con Darko Suvin, McGill University di Montreal

     Salvatore Veca, Università di Pavia

     Remo Bodei, Università di Pisa

     Evandro Agazzi, Università di Genova

     Pier Paolo Portinaro, Università di Torino

 

1 - 22 ottobre 2002

>>> Dettagli

utopia
 

La tradizione del Platonismo medievale

Con Antonio Bonato, Milano

      Edouard A. Jeauneau, Parigi e Toronto

      Kurt Flasch, Mainz

 

25 febbraio - 11 marzo 2002

>>> Dettagli 

 

CONFERENZE


 

DICUTERE DI FILOSOFIA


Incontro di riflessione filosofica sulla questione dell'aborto

Con Aldo Pessina, Università Cattolica di Milano

      Maurizio Mori, Università di Torino

      Marina Calloni, Università di Milano-Bicocca

      Marcello Ostinelli, SFSI

 

3 maggio 2002

>>> Dettagli

PRESENTAZIONI

 

 

 

 

Repost 0
Published by filosofia-sfsi - in Attività 2002
scrivi un commento
22 ottobre 2002 2 22 /10 /ottobre /2002 17:03

Oltre l'utopia

Relatore: Pier Paolo Portinaro (Università di Torino)
Martedì 22 ottobre 2002

 

La conferenza

Ci sono indizi significativi che inducono a ritenere che, se non può dirsi esaurito il potenziale utopico della storia umana, pure con il Novecento il ciclo storico dell'utopia moderna giunge ad esaurimento. Il più importante fra questi è il fatto che all'utopia subentra l'antiutopia o distopia. Certo, anche il xx secolo ha visto susseguirsi una sequela di esperimenti d'immaginazione utopica attraverso l'apertura di nuovi orizzonti (l'utopia ecologica, la variante femminista, le nuove frontiere della tecnologia), ma nel loro complesso questi esperimenti rivelano un carattere epigonale che ha loro impedito di conquistarsi un posto di primo piano nell'immaginario del secolo; quel posto che hanno invece conquistato alcune distopie che hanno interpretato e dilatato fino all'assurdo l'epoca dei totalitarismi e del dominio teconologico, come quelle di Huxley, Orwell, Samjatin. Su questa costellazione distopica la conferenza intende soffermarsi, illustrando continuità e rotture all'interno di questo genere letterario e filosofico.

 

Il relatore

Pier Paolo Portinaro insegna Filosofia politica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Torino. Fra le sue più recenti pubblicazioni troviamo: Stato, Bologna 1999; Il realismo politico, Roma-Bari 1999; Profilo del liberalismo (in B. Constant, La Libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni, trad. a cura di G. Paoletti, Torino 2001).


 

<<< Ciclo "Intorno a Utopia"

<<< Attività 2002

Repost 0
Published by filosofia-sfsi - in Attività 2002
scrivi un commento
18 ottobre 2002 5 18 /10 /ottobre /2002 17:02

Utopia fra scientismo e ritorno alla natura

Relatore: Evandro Agazzi (Università di Genova)
Venerdì 18 ottobre 2002

 

La conferenza

L'utopia si caratterizza per una base idelogica cui si aggiunge una dimensione escatologica. Nel caso dello scientismo, l'aspetto idelogico è rappresentato da un'assolutizzazione della scienza, cui si attribuisce la capacità di risolvere tutti i problemi umani, se non subito, in una lontana prospettiva futura. I suoi limti sono emersi chiaramente verso la metà del Novecento, dapprima sul piano pratico (pericoli inerenti allo sviluppo tecnologico) e poi anche su quello conoscitivo. Si è così proposta l'utopia del 'ritorno alla Natura', il cui fondamento idelogico è una concezione della Natura come qualcosa di intangibile e incondizionatamente positivo, accompagnata dalla prospettiva escatologica di un campito che deve scalzare l'attuale dominio di scienza e tecnología. I limiti di questa ideologia consistono nel fatto che la incondizionata bontà della Natura non è affatto evidente e che, d'altro canto, anche il mondo artificiale corrisponde ad uno dei tratti più caratteristici della 'natura' umana. Entrambe le utopie sono quindi 'riduttive' e l'utopia che merita oggi di esser perseguita è quella di un'integrazione di questi due 'mondi', che riposi sulla valorizzazione della 'pienezza' dell'esistenza umana e, quindi, anche di quegli strumenti capaci di corrisponderle e che non si esauriscono né in quelli offerti dalla tecno-scienza, né in un generico rispetto della Natura.

 

Il relatore

Evandro Agazzi ha compiuto gli studi di Filosofia presso l'Università Cattolica di Milano e quelli di fisica presso l'Università Statale della stessa città. Si è poi perfezionato a Oxford, Marburg e Münster. Ha conseguito due libere docenze: in Filosofia della scienza (1963) e in Logica Matematica (1966) ed ha tenuto diversi incarichi di insegnamento: presso il Dipartimento di Matematica dell'Università di Genova (Geometria Superiore, Matematiche complementari, Logica Matematica), presso la Scuola Normale Superiore di Pisa (Logica Simbolica), presso l'Università Cattolica di Milano (Filosofia della Scienza e Logica Matematica), prima e dopo essere divenuto professore ordinario di Filosofia della Scienza all'Università di Genova (1970). Ha pure ricoperto la cattedra di Antropologia Filosofica, Filosofia della Scienza e Filosofia della Natura all'Università di Friburgo in Svizzera (1979-1998) e ha insegnato come professore invitato presso università straniere, quali Düsseldorf, Berna, Pittsburgh, Ginevra, Stanford e, per periodi più brevi, in molte altre. Attualmente è ordinario di Filosofia Teoretica all'Università di Genova. Ha presieduto e presiede tuttora numerose istituzioni filosofiche internazionali. E' dottore honoris causa delle Università di Cordoba e di Santiago del Estero (Argentina)., e dell'Università Ricardo Palma di Lima (Perù).

Le sue pubblicazioni comprendono oltre sessanta volumi (di cui è autore o curatore) e oltre 700 articoli e saggi, costituenti contributi in volumi collettivi, antologie enciclopedie e riviste, senza contare le recensioni e gli articoli su quotidiani. E' direttore delle riviste Epistemologia e Nuova Secondaria e appartiene al comitato scientifico di alcune importanti riviste internazionali, come Erkenntnis, Revue Internationale de Philosophie, Zeitschrift für Allgemeine Wissenschaftstheorie, Medicina e Morale, Modern Logic, Kos. E' stato ed è tuttora membro del comitato scientifico di dizionari ed enciclopedie scientifiche.


 

<<< Ciclo "Intorno a Utopia"

<<< Attività 2002

Repost 0
Published by filosofia-sfsi - in Attività 2002
scrivi un commento
15 ottobre 2002 2 15 /10 /ottobre /2002 17:01

Utopia e storia

Relatore: Remo Bodei (Università di Pisa)
Martedì 15 ottobre 2002

 

La conferenza

Sta drasticamente diminuendo la capacità di pensare a un futuro collettivo, di immaginarlo al di fuori delle proprie aspettative private. La storia appare quindi a molti orfana di quella logica intrinseca che si credeva dovesse indirizzarla verso un determinato obiettivo: il progresso, il regno della libertà o la società senza classi. Tramonta una cultura, che - tra Ottocento e Novecento - aveva indotto miliardi di uomini a ritenere che gli eventi marciassero ineluttabilmente in un certa direzione, annunciata o prevedibile. Si è rotto il dispostivo che aveva prodotto l'ibridazione reciproca tra utopia e storia: l'utopia, accettando le ragioni del realismo e della concretezza storica, aveva mitigato le sue pretese e le sue promesse, giungendo sino al punto di fondersi con la storia; la storia, a sua volta, non più guidata da un disegno divino, si era dotata di un significato e di una razionalità intrinseci, attribuendosi un'inquietudine che dovrebbe comunque spingerla, seppur attraverso fasi tragiche, verso il progresso. Questo reciproco innesto ha prodotto un'utopia frenata o una storia dinamizzata, un sistema di controllo degli interventi umani sulla realtà che non intende rinunciare ai grandi progetti di trasformazione, né smettere di prendere sul serio le cause rimuovibili che li bloccano o li condizionano per tempi più o meno lunghi. Si ripropone ora il problema di una storia non garantita dinanzi all'inatteso e senza obiettivi lontani.

 

Il relatore

Remo Bodei è professore di storia della filosofia all'università di Pisa, dopo essere stato a lungo docente nella Scuola Normale Superiore della stessa città. Ha studiato e insegnato in diverse università e istituzioni culturali europee e americane. Insegna ora, come recurrent visiting professor, alla University of California, di Los Angeles.
La sua ricerca scientifica è stata inizialmente indirizzata sull'idealismo classico tedesco e sull'estetica e la politica dell'età di Goethe e della fine dell'Ottocento; si è occupato in seguito del pensiero utopico del Novecento e della filosofia politica italiana e francese; nell'ultima decade si è dedicato invece alla tematica delle passioni e dei desideri, dell'identità personale e collettiva e del rapporto tra memoria e oblio. Oltre a numerosi articoli, versioni ed edizioni di testi, tra i suoi molti libri, tradotti in varie lingue, si possono ricordare: Scomposizioni. Forme dell'individuo moderno (1987); Hölderlin: la filosofía y lo trágico (1990); Ordo amoris. Conflitti terreni e felicità celeste (1991); Geometria delle passioni (1991); Le prix de la liberté (1995); Le forme del bello (1995); La filosofia nel Novecento (1997); Se la storia ha un senso (1997); Il noi diviso. Ethos e idee dell'Italia repubblicana (1998); Le logiche del delirio. Ragione, affetti, follia (2000); I senza Dio. Figure e momenti dell'ateismo (2001). Fa parte del comitato di direzione di alcune associazioni scientifiche internazionali e di riviste come "Teoria politica", "Iride", "Cultura tedesca", "Atque", "Pluriverso", "Carrefour", "Anthropology and Philosophy", "Philosophy and Social Criticism" e "European Journal of Philosophy".


 

<<< Ciclo "Intorno a Utopia"

<<< Attività 2002

Repost 0
Published by filosofia-sfsi - in Attività 2002
scrivi un commento
10 ottobre 2002 4 10 /10 /ottobre /2002 16:57

La giustizia globale e l'idea di utopia ragionevole

Relatore: Salvatore Veca (Università di Pavia)
Giovedì 10 ottobre 2002

 

La conferenza

La relazione è articolata in due parti. Nella prima ci si propone di chiarire la differenza fra l'idea di utopia ragionevole e quella di utopia della società perfetta. Chiarendo la differenza, si mostra perché la prima idea è moralmente e politicamente attraente e importante mentre la seconda merita un giusto discredito. Nella seconda parte della relazione si mette a fuoco il ruolo che l'idea di utopia ragionevole svolge nel quadro di una teoria della giustizia globale, lavorando insieme ad altre due idee che sembrano feconde in questioni difficili e ineludibili come quelle della giustizia senza frontiere: l'idea dello sviluppo umano come libertà e l'idea di giustizia procedurale

 

Il relatore

Salvatore Veca insegna Filosofia politica alla Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Pavia, di cui è preside. Prorettore per la didattica dell'Università, è rettore del Collegio universitario Giasone del Maino e dirige il Centro interdipartimentale di Filosofia sociale. E' presidente dell'Associazione "I quattro Cavalieri" che promuove le attività dell'ensemble " I Solisti di Pavia". Fra i suoi ultimi libri: Dell'incertezza, Feltrinelli 1997, La filosofia politica, Laterza 1998, La penultima parola e altri enigmi, Laterza 2001 e La bellezza e gli oppressi, Feltrinelli 2002.


 

<<< Ciclo "Intorno a Utopia"

<<< Attività 2002

Repost 0
Published by filosofia-sfsi - in Attività 2002
scrivi un commento
1 ottobre 2002 2 01 /10 /ottobre /2002 16:55

Il concetto di utopia in epoca moderna

Relatore: Darko Suvin (McGill University di Montreal)
Martedì 1 ottobre 2002

 

La conferenza
Nella conferenza si farà una panoramica sul significato dell'avvento dell'utopia come genere letterario e dell' utopismo come orizzonte d'aspettative storico-sociali, a partire dall'Utopia di Tommaso Moro (senza dimenticare un precursore come Platone o le leggende medievali) fino ai suoi riflessi nel Novecento. A differenza delle religioni classiche, questo orizzonte è laico, nel senso che si colloca in un luogo spaziale o temporale terreno -anche se esprime antichissime speranze e desideri, dando loro una nuova inflessione. Si definirà brevemente l'utopia, senza la pretesa di discutere in modo esauriente tale concetto, come la costruzione di una comunità particolare, nella quale le istituzioni e le norme sociopolitiche, nonché le relazioni fra le persone sono organizzate in base a un principio radicalmente differente da quello vigente nella comunità dell'autore. Si menzioneranno le affinità e le differenze fra utopia e satira, progetto o programma sociopolitico alla maniera di Saint-Simon o Fourier, e specialmente fra utopia e fantascienza, genere letterario molto importante nel Novecento. I nomi menzionati come tappe saranno quelli di E. Bellamy, W. Morris, H.G. Wells, E. Zamiatin e di qualche scrittore moderno. Sarà pure discussa la differenza fra eutopia (intesa come comunità basata su di un principio radicalmente migliore di quello dominante nella comunità dell'autore) e distopia (definita come comunità basata su di un principio radicalmente peggiore). Sarà inoltre discussa la necessità degli orizzonti utopistici nell'epoca moderna e il loro statuto conoscitivo come metodo dell'immaginario.
 
 
Il relatore
Darko Suvin, nato a Zagabria, è un pioniere nel campo degli studi sulla fantascienza. Docente universitario, critico letterario e teatrale, poeta e scrittore, è professore emerito di letteratura inglese e comparata della McGill University di Montreal e fellow della Royal Society of Canada. Ha studiato presso le Università di Zagabria, di Bristol, la Sorbona e la Yale University. Ha insegnato pure nelle Università di Zagabria e del Massachusetts ed è stato professore ospite in molte altre università (Università dell'Indiana, di Roma I, di Lovanio, della Ruhr, dell'Alberta, di Trento, di Londra, di Cambridge, di Tokyio, di Rikkyo e al Bauhaus di Weimar); ha diretto riviste specializzate di letteratura comparata ed è stato vicepresidente della Science Fiction Research Association e della International Brecht Society. Ha pubblicato centinaia di articoli e numerosi libri, fra cui: Metamorphoses of Science Fiction (1979) (trad. it. Le metamorfosi della fantascienza: poetica e storia di un genere letterario, Il Mulino, Bologna 1985), To Brecht and Beyond, Victorian Science Fiction in the U. K, Positions and Presuppositions in Science Fiction, Lessons of Japan, e due libri di poesia. Il suo più recente progetto è la cura del volume Distopie oggi, che dovrebbe uscire entro la fine del 2002. È membro di numerosi comitati editoriali, fra cui quello degli Utopian Studies (USA). Da qualche anno vive in Italia.


<<< Ciclo "Intorno a Utopia"

<<< Attività 2002

Repost 0
Published by filosofia-sfsi - in Attività 2002
scrivi un commento
1 ottobre 2002 2 01 /10 /ottobre /2002 15:41

Ciclo di conferenze pubbliche della Società filosofica della Svizzera Italiana realizzato in collaborazione con Radio Svizzera Rete Due, Fondazione UOmo Natura e con il contributo della Repubblica e Cantone Ticino


L'utopia è come l'orizzonte: cammino due passi, e si allontana di due passi. Cammino dieci passi, e si allontana di dieci passi. L'orizzonte è irraggiungibile. E allora, a cosa serve l'utopia? A questo: serve per continuare a camminare.

Eduardo Galeano

 

Le utopie appaiono oggi assai più realizzabili di quanto non si credesse un tempo. E noi ci troviamo davanti a una questione assai più angosciosa: come evitare la loro realizzazione definitiva?

Nicola Berdiaef

utopia

            Programma

Martedì 1 ottobre 2002

Biblioteca Salita dei Frati Lugano, ore 20.30

Il concetto di utopia in epoca moderna

Relatore: Darko Suvin, McGill University di Montreal

>>> Dettagli

Giovedì 10 ottobre 2002

Biblioteca Salita dei Frati Lugano, ore 20.30

La giustizia globale e l'idea di utopia ragionevole

Relatore: Salvatore Veca, Università di Pavia

>>> Dettagli

Martedì 15 ottobre 2002

Biblioteca Salita dei Frati Lugano, ore 20.30

Utopia e storia

Relatore: Remo Bodei, Università di Pisa

>>> Dettagli

Venerdì 18 ottobre 2002

Biblioteca Salita dei Frati Lugano, ore 20.30

Utopia fra scientismo e ritono alla natura

Relatore: Evandro Agazzi, Università di Genova

>>> Dettagli

Martedì 22 ottobre 2002

Biblioteca Salita dei Frati Lugano, ore 20.30

Oltre l'utopia

Relatore: Pier paolo Portinaro, Università di Genova

>>> Dettagli

In collaborazione con:

 

uomonaturaRete2

e con il contributo della Repubblica e Cantone Ticino  

 

<<< Attività 2002

Repost 0
Published by filosofia-sfsi - in Attività 2002
scrivi un commento
3 maggio 2002 5 03 /05 /maggio /2002 16:25

 

Incontro di riflessione filosofica sulla questione dell'aborto

 

Venerdì 3 maggio 2002, ore 17.00

Biblioteca Cantonale, Locarno

Introduzione. La questione filosofica dell’aborto

Marcello Ostinelli (SFSI)

L’etica cattolica e l’aborto

Adriano Pessina (Università cattolica di Milano)

L’etica laica e l’aborto

Maurizio Mori (Università di Torino)

L’etica femminista e l’aborto

Marina Calloni (Università di Milano-Bicocca)

In collaborazione con la Biblioteca Cantonale di Locarno

 

>>> Dispense

<<< Attività 2002

Repost 0
Published by filosofia-sfsi - in Attività 2002
scrivi un commento
25 febbraio 2002 1 25 /02 /febbraio /2002 16:10

La tradizione del Platonismo medievale

Ciclo di tre lezioni sulla tradizione del platonismo medievale, organizzato in collaborazione con l'Associazione Biblioteca Salita dei Frati. 

Sorto con la grande opera di Plotino nel III sec. d.C. e continuato da quella di Porfirio, Giamblico, Proclo e Damascio nei secoli III-VI, il neoplatonismo costituisce l'ultimo straordinario frutto del pensiero classico, alimentato in primo luogo da una riflessione sui dialoghi di Platone.

Esso costituisce un essenziale punto di incontro-scontro tra filosofia antica e cultura cristiana a partire soprattutto da Origene e S. Agostino.

I temi dell'assoluta trascendenza di Dio, della profonda unità del reale, dell'ordine e gerarchia degli esseri, dell'origine e del ritorno  di tutti gli esseri all'unico Dio, come pure la teologia negativa e le dottrine della mistica e dell'estasi, hanno le loro radici filosofiche nel neoplatonismo che, in forme diverse, ha esercitato la sua influenza in tutto il Medioevo, ma anche su importanti autori del Rinascimento, dell'Età moderna e pure dell'Età contemporanea.

La serie di conferenze proposta vuole offrire la possibilità di un approfondimento di questo orientamento filosofico, con il contributo dei migliori studiosi che, intervenendo a intervalli di una settimana, daranno vita quasi a un corso intensivo su questa corrente che attraversa la cultura occidentale.

Le conferenze saranno dedicate alla figura e all'opera di Dionigi l'Areopagita, autore greco-cristiano della fine V inizio VI sec. d.C., il cui credito fu altissimo nel Medioevo anche perché fu ritenuto discepolo di S. Paolo; dell'irlandese Giovanni Scoto Eriugena (IX sec. d.C.), traduttore di Dionigi e autore di un'importante opera sistematica con la quale il neoplatonismo si riafferma grandiosamente nell'Età carolingia; e infine di Niccolò Cusano (XV sec.), personalità fra le più originali e creative dell'intera storia della filosofia che, tra altri, si ispira all'opera dei due autori precedenti e che, approfondendo i temi neoplatonici sulle soglie dell'Età moderna, diventa a sua volta fonte di successivi influssi.

Programma

Lunedì 25 febbraio 2002

Biblioteca Salita dei Frati, ore 20.30

La conoscenza di Dio nello Pseudo-Dionigi

Relatore: Antonio Bonato, Milano

Lunedì 4 marzo 2002

Biblioteca Salita dei Frati, ore 20.30

Giovanni Scoto Eriugena

Relatore: Edouard A. Jeauneau, Parigi e Toronto

Lunedì 11 marzo 2002

Biblioteca Salita dei Frati, ore 20.30

Niccolò Cusano fra la Renania e l'Italia

Relatore: Kurt Flasch, Mainz

 

<<< Attività 2002

Repost 0
Published by filosofia-sfsi - in Attività 2002
scrivi un commento