Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
30 settembre 2010 4 30 /09 /settembre /2010 20:47

Presentazione del volume:

Ragion pratica e sensibilità morale. L'etica fra discorso e intuizione

di Virginio Pedroni

(Carocci Editore, Roma 2010) 

2010 Pedroni

Giovedì 30 settembre 2010, ore 18.00

Lugano, Aula Magna Liceo Lugano 1, Viale Carlo Cattaneo 1


Interverranno: Abriano FabrisPaolo FarinaVirginio Pedroni

Presiede: Brenno Bernardi, Società filosofica della Svizzera Italiana


Il libro

 

La vita morale coinvolge corpo e mente, attraversando la stratificazione del nostro “io”. Possiamo arrossire per la vergogna ed essere in agitazione per il senso di colpa provocati da una nostra azione o fremere per l’indignazione di fronte ad un episodio di ingiustizia. Nel contempo, possiamo sviluppare, con scopi non solo teoretici ma anche pratici, sofisticate e fredde considerazioni a proposito di sottili distinzioni fra casi diversi o di contraddizioni per nulla evidenti fra astratti principi morali.

Il volume sostiene tre tesi: A) Il momento intuitivo e quello riflessivo, il sentire e il pensare, non solo si compenetrano nella concreta vita morale dei soggetti, ma debbono essere integrati anche sul piano teorico. B) Il sapere morale può essere concepito, nella sua componente intuitiva, come presa di coscienza di proprietà normative del mondo colte grazie alla sensibilità morale (realismo morale), mentre nella sua dimensione riflessiva e deliberativa esso si configura come formulazione di norme in base a cui valutare la realtà e agire (costruttivismo morale). C) Queste norme devono superere il vaglio della discussione pubblica ed essere ritenute meritevoli di consenso universale.La moralità immediata ruota attorno ad un’idea realista di verità morale, mentre quella riflessiva è fondata su un’idea costruttivista di oggettività morale.

Per un verso i fatti morali sono “dati”, per un altro “costruiti” dalla comunità delle persone impegnate nel discorso sulle norme. La moralità è sia un’esperienza del mondo di tipo in primo luogo intuitivo, sia un patto fra persone che possono partire da esperienze morali diverse, ma si rispettano e mirano alla costruzione di un mondo morale condiviso.

 

 

I relatori

Adriano Fabris è professore ordinario di Filosofia morale all’Università di Pisa, dove dirige anche il Master in Comunicazione Pubblica e Politica e il Centro Interdisciplinare di ricerche e di servizi sulla Comunicazione Si è laureato all’Università di Pisa. Dopo una borsa DAAD ha conseguito il Perfezionamento in Filosofia all’Università di Genova. È stato ricercatore universitario, professore incaricato di Filosofia della religione, professore associato di Filosofia teoretica. È direttore della rivista “Teoria” e membro della direzione di "Filosofia e Teologia" e dell'"Archivio di filosofia". Fra le sue numerose pubblicazioni, ricordiamo i volumi più recenti: Etica della comunicazione interculturale (Lugano 2004); Teologia e filosofia (Brescia 2004); Etica della comunicazione (Roma 2006, 2008); Senso e indifferenza (Pisa 2007); TeorEtica. Filosofia della relazione (Brescia 2010).

 

Paolo Farina è stato docente di filosofia al Liceo cantonale di Lugano 1. Si è laureato all’Università Statale di Milano ed è stato borsista ricercatore presso il CNR a Milano. Si è occupato della nascita della scienza moderna nell’area del cartesianesimo olandese, dell’utopia francese del secondo Seicento, della riflessione politica, sociale ed economica sei - settecentesca. Ha pubblicato saggi nella “Rivista critica di storia della filosofia” e nel “Giornale critico della filosofia italiana” e i volumi Pensare il mondo che cambia. Uno studio su economia e politica in John Locke (Milano, 1996) e Il disincanto della scienza. Giammaria Ortes (1713-1790): l’’economia nazionale” contro i Lumi (Venezia 2007).

 

Virginio Pedroni è  docente di filosofia al Liceo cantonale di Lugano 1. Ha studiato filosofia nelle Università di Pavia (laurea in filosofia), Francoforte e Ginevra (dottorato in filosofia). I suoi campi di ricerca hanno riguardato il marxismo del Novecento, la filosofia del linguaggio e la filosofia morale. È autore del volume Ragione e comunicazione. Pensiero e linguaggio nella filosofia di K.-O. Apel e J. Habermas (Milano, 1999), co-curatore dei volumi Fondazione e critica della comunicazione. Studi su J. Habermas (Franco Angeli, 1992), Il realismo pragmatico di H. Putnam (Napoli, 1994) e curatore del volume L. Wittgenstein: la svolta linguistica e la filosofia oggi (Locarno, 2002).

 

>>> Sintesi del volume

>>> Locandina

<<< Attività 2010

 

Condividi post

Repost 0
Published by filosofia-sfsi - in Attività 2010