Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
4 novembre 2003 2 04 /11 /novembre /2003 17:09

L'estetica musicale nel Novecento

Conferenza di Enrico Fubini (Università di Torino)
Martedì 4 novembre 2003, ore 20.30 - Biblioteca Salita dei Frati, Lugano
 
 
La conferenza
Per l’estetica musicale il Novecento è un secolo lungo e denso di storia (e non solo per l’estetica musicale!) in quanto la speculazione musicale è strettamente legata ai grandi e numerosi mutamenti intervenuti nella musica. Il pensiero estetico è stato polarizzato infatti dalle radicali rivoluzioni linguistiche e dalle sfide che esse hanno costituito per gli stessi filosofi: prima la crisi della tonalità e la perdita delle certezze, l’avvento dell’atonalità e poi della dodecafonia, ed infine le avanguardie darmstadtiane e post-darmstadtiane sino a quella che si può chiamare l’odierna restaurazione.
Il dibattito tra fautori della dodecafonia e avversari della dodecafonia, nella prima metà del secolo, è denso di risvolti estetici, filosofici ed ideologici. Così il dibattito estetico nella seconda metà del secolo è dominato anzitutto dalla figura di Adorno e dalla conseguente ideologicizzazione delle due figure contrapposte di Schönberg e Strawinsky. La riflessione filosofica sul senso del linguaggio musicale o meglio sulla negazione stessa dell’idea di linguaggio con le avanguardie irrazionaliste degli anni sessanta e settanta ha ancora dominato il dibattito estetico degli scorsi decenni.
In questi ultimi anni l’estetica musicale ha indubbiamente risentito della generale crisi del pensiero speculativo. Si può affermare che oggi viviamo nel ‘dopo Adorno’: l’ultimo pensatore che ha ancora avuto con la sua vastissima opera un’indubbia portata estetica e filosofica. Oggi l’estetica musicale, abbandonata ogni pretesa totalitaria, si è sviluppata piuttosto in campi più settoriali, come la psicologia della musica, l’educazione musicale, la sociologia della musica, la riflessione sui mass-media ecc.. Difficile predire il futuro perché la speculazione sulla musica è ed è sempre stata strettamente legata ai destini stessi della musica, e la musica a sua volta non è un’isola chiusa ed autosufficiente, ma è immersa, sia dal punto di vista creativo, sia dal punto di vista fruitivo, nel mondo circostante con tutte le sue tensioni ed i suoi problemi.
 
 
Il relatore
Enrico Fubini, nato a Torino 1935, insegna Storia della musica nell'Università di Torino e si interessa principalmente di storia dell'estetica musicale.
Tra le sue opere, Gli enciclopedisti e la musica, Torino, Einaudi 1971; Musica e linguaggio nell'estetica contemporanea, Torino, Einaudi 1973; L'estetica musicale dall'antichità al Settecento, Torino, Einaudi 1976 e 2002; L'estetica musicale dal Settecento a oggi, Torino, Einaudi 1987; Musica e pubblico dal Rinascimento al Barocco, Torino, Einaudi 1984; Musica e cultura nel Settecento europeo, Torino, Edt 1986; La musica nella tradizione ebraica, Torino, Einaudi 1994; Estetica della musica, Bolgna, Il Mulino 1985.


 

<<< Ciclo Musica e filosofia

<<< Attività 2003

Condividi post

Repost 0
Published by filosofia-sfsi - in Attività 2003